Self Out of Joint – L’ultima notte di Gregor
Blog / Media e Immaginario / Storie, facce e luoghi

Attraverso Gregorio, noi scopriamo che la vertigine al centro del quale si trova il Sé contemporaneo è ancor più radicale: non è il tempo (e insieme la realtà esterna) ad essere andato fuor di sesto, ad essere uscito dal suo asse, ma noi stessi, i nostri sé, le nostre identità – che quindi non riescono più a operare quell’atto di autoinganno condiviso con gli altri, che ci permette di tenere insieme quella messa in scena che chiamiamo realtà.

Una voce per le storie fuori dalla storia – Intervista a Cristiana Verardo
Blog / Storie, facce e luoghi

Il 19 maggio esce l’album d’esordio di una giovane cantautrice salentina. Il suo nome è Cristiana Verardo, il titolo dell’album è La mia voce, il suo sorriso generoso nasce in un piccolo paese di provincia, dove il tempo ha delle estensioni che altrove non sono concesse. La verità è che siamo nate nello stesso paese, a pochi km di distanza, e questa chiacchierata è stata una delle più complesse, nonostante abbia la fortuna di conoscere Cristiana, la sua musica e il suo distratto e adorabile sguardo sulle cose.

Per una critica della ragione social // Prefazione a Grillodrome
Blog / Media e Immaginario / Teoria Pop

Prefazione di Alessandro De Cesaris al libro Grillodrome. Dall’Italia videocratica all’impero del clic, di Rinaldo Mattera, Mimesis, 2017.

È il 22 Gennaio 1984. Durante una pausa pubblicitaria del Super Bowl appare uno spot destinato a fare storia. Girato da Ridley Scott, lo stesso che appena due anni prima aveva firmato la regia di Blade Runner, si tratta della pubblicità con cui la Apple ha annunciato al mondo l’uscita del primo Macintosh.