Perché, in fondo, siamo tutte un po’ Mia Wallace
Blog / Femmes - Ritratti di donne / Storie, facce e luoghi

Così siamo tutte un po’ Mia Wallace: turbate dal piacere di una sigaretta, in rivolta col destino, twist fino al mattino.
Lo siamo nel momento in cui prendiamo consapevolezza dei nostri limiti, nel momento in cui non lasciamo attraversarci dalla paura dell’altro, dalla paura di essere soggette a giudizio.
Perché Mia Wallace non è giudicabile.

Gli altri
Racconti

di Luisa Ruggio
Le ragazze strigliano il pavimento, rimandando la paura. Lo squillo del telefono, un respiro che non viene bene. L’acqua saponata passa sulle impronte degli uomini notturni, sulle loro armi nere al crocevia di periferia fermentata.

Città come prigione tra cinema e science fiction
Media e Immaginario

di Adolfo Fattori
The Truman Show, forse uno dei film più importanti dell’ultimo ventennio, ha un padre occulto e un gemello oscuro. Il gemello, quasi la faccia nascosta, è Dark City di Alex Proyas, storia di una città che non esiste, perché viene rinnovata ogni notte da coloro che la controllano, e che controllano le menti dei suoi abitanti.